This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Giovedì 06 ottobre 2022 - 11:30

SANITA', NUOVO OSPEDALE OLBIA: RIFORMATORI: "RENZI NON CEDA AI CONSERVATORI"

(CHB) - Cagliari, 14 giu 2014 - "Matteo Renzi non deve mollare sulla questione San Raffaele di Olbia. In caso contrario in Sardegna non se ne farà nulla perché i conservatori vogliono resistere all’innovazione e al cambiamento bloccando tutto".  Lo hanno detto questa mattina il presidente della commissione Sanità della Camera, Pierpaolo Vargiu, il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, il presidente del Centro Studi dei Riformatori sardi, Franco Meloni e il gruppo in Consiglio regionale.
Pierpaolo Vargiu ha anche annunciato di aver già convocato il Governo in audizione perché la partita del San Raffaele non è solo un caso sardo ma ormai è diventato di importanza nazionale. “Riteniamo – ha detto Vargiu – che il presidente del Consiglio debba prendere in mano la questione con forza e vigore per superare le resistenze conservatrici. Sappiamo che lo sta facendo in queste ore, deve perseverare e non fermarsi”. In una lettera inviata a Renzi, il presidente della commissione Sanità spiega che l’intervento di Renzi è necessario in quanto “il progetto San Raffaele nasce sotto l'autorevole garanzia della Presidenza del Consiglio e Sua personale e servirà per chiarire ogni dubbio insorto alla firma del protocollo e per aiutare la Regione Sardegna a portare il suo lavoro a buon esito, evitando che possa sfumare un'opportunità che apparirebbe oggi irripetibile, sia per le sue ricadute economiche immediate, che per le potenzialità future”.
Insomma, sostengono i Riformatori sardi, “Renzi ci ha messo la faccia e gli chiediamo di mettercela sino alla scadenza del 24 giugno: non possiamo permettere che la Sardegna perda questa grande occasione. Per la nostra Isola si tratta di un’occasione di crescita importante sia sul fronte della ricerca sia sul fronte economico. Non possiamo chiuderci a riccio col rischio che ricerca e finanziamenti finiscano da altre parti d’Europa”. (CHARTABIANCA) red