This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Giovedì 06 ottobre 2022 - 13:33

SANITA', FEBBRE DEL NILO: AGENZIA UE AVVIA VIA MONITORAGGIO STAGIONALE DEI CASI UMANI

(CHB) - Bruxelles, 16 giu 2014 - Parte il monitoraggio stagionale per la prevenzione della febbre del Nilo. L'Ecdc (European centre for disease prevention and control, agenzia che fa capo all'Ue) ha iniziato a raccogliere informazioni sui casi di febbre West Nile in Europa in vista della stagione di trasmissione 2014. Le prime mappe di sorveglianza stagionali, pubblicate questa settimana, presentano una panoramica del virus della West Nile in Europa al 5 giugno.
Ogni anno - durante la stagione di trasmissione della febbre del Nilo, da giugno a novembre - l' Ecdc fornisce aggiornamenti settimanali sui casi negli esseri umani negli Stati membri dell'Ue e dei Paesi limitrofi. L'obiettivo è informare le autorità per la sicurezza del sangue delle aree con trasmissione in corso, per sostenere la loro attuazione della normativa sulla sicurezza del sangue. Secondo la normativa sulla sicurezza del sangue Ue, gli Stati membri devono adottare misure di controllo per garantire la sicurezza del sangue in caso di focolai.
L'Ecdc contribuisce all'attuazione della direttiva 2004/33/CE per garantire la raccolta puntuale e la pubblicazione di informazioni precise sulle aree interessate. Per la stagione in corso, i dati di sorveglianza West Nile vengono raccolti attraverso report in tempo reale effettuata dagli Stati membri dell'Unione europea e screening sistematico dei casi segnalati in Europa. Il rapporto settimanale - che viene pubblicato sul sito Ecdc ogni venerdì pomeriggio- comprende mappe che mostrano l'attuale distribuzione geografica dei casi umani autoctoni segnalati nell'Unione europea e nei Paesi vicini e il suo confronto con i dati precedenti; nonché un aggiornamento sul numero di casi per paesi e aree. 
La mappa è aggiornata settimanalmente in base ai casi segnalati fino al giovedì di ogni settimana. (CHARTABIANCA) red