This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Venerdì 25 settembre 2020 - 08:34

TURISMO, CHIUDE MUSEO INTRECCIO CASTELSARDO; REGIONE: NESSUNA RESPONSABILITA'

(CHB) - Cagliari, 05 gen 2015 - L'assessore regionale dei Beni Culturali, Claudia Firino, interviene in relazione alla decisione del Comune di Castelsardo di chiudere il museo dell’Intreccio e indire una gara d'appalto per la gestione. “Il comune di Castelsardo ha piena titolarità a chiudere il Museo dell’Intreccio nel Castello dei Doria, come accaduto nei giorni scorsi, e di procedere a nuovi appalti” dichiara l'assessore Firino. “Deve essere però chiaro che non si tratta di scelta dettata dalla mancanza degli stanziamenti regionali relativi ai costi del personale che saranno previsti, come ogni anno, nella Legge Finanziaria, e che anzi la Regione si era già espressa, lo scorso novembre, auspicando la prosecuzione dei servizi e la tutela degli attuali lavoratori delle cooperative che gestiscono i Beni Culturali.
Nell'attesa di attivare il processo di riqualificazione, modernizzazione e sviluppo del sistema culturale e identitario della Sardegna, a cui stiamo lavorando, questo assessorato ha infatti inoltrato l'invito a confermare e mantenere attivi i progetti in essere fino a tutto il 2015, specificando “l’esigenza e l’auspicio che gli enti locali beneficiari dei finanziamenti regionali provvedano alla gestione dei servizi, ove possibile, con le modalità previste per la gestione dei servizi pubblici locali privi di rilevanza economica, in modo comunque da utilizzare i soggetti esecutori fin qui impegnati nei progetti”.
Se la Giunta di Castelsardo ha deciso diversamente, deve assumersene per intero la responsabilità. Altri Comuni hanno infatti optato per la proroga dell'affidamento del servizio alle cooperative già impegnate, come bene esemplificato dal caso dell'Antiquarium Arborense di Oristano”.  (CHARTABIANCA) red