This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Mercoledì 19 settembre 2018 - 13:14

ENTI LOCALI, SERVIZI VIGILANZA ARMATA ASL E COMUNI: AL VIA APPALTO REGIONE DA 83 MILIONI

(CHB) - Cagliari, 15 feb 2016 - È stata pubblicata la prima procedura di gara gestita dalla Centrale regionale di committenza, in qualità di soggetto aggregatore per la Regione Sardegna. Si tratta di una procedura per l’affidamento dei servizi integrati di vigilanza armata, portierato e altri servizi che potrà essere utilizzata da tutte le pubbliche amministrazioni del territorio isolano, in particolare dalle Aziende sanitarie e dai Comuni. Il bando, da oltre 83 milioni di euro, prevede la stipula di una convenzione quadro della durata di 18 mesi, cui seguiranno singoli contratti delle Amministrazioni aderenti della durata di 36 mesi. La procedura è stata suddivisa in tre lotti territoriali (Nord, Centro e Sud).
I servizi di vigilanza fanno parte delle categorie merceologiche che, secondo quanto previsto dal Decreto Legge n. 66/2014, impone a tutte le pubbliche amministrazioni di ricorrere ai 32 soggetti aggregatori presenti sul territorio nazionale.
La gara è gestita in maniera completamente telematica: a tal proposito viene utilizzata la piattaforma realizzata dalla Regione con fondi comunitari, disponibile all’indirizzo www.sardegnacat.it. La piattaforma è stata messa a disposizione di tutte le Amministrazioni del territorio sardo che possono utilizzarla gratuitamente sia per accedere al mercato elettronico regionale, sia per lo svolgimento di autonome procedure di gara.
“Con questo avviso di gara – sottolinea l’assessore degli Enti locali Cristiano Erriu – prende corpo il programma regionale di razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi che, grazie all’aggregazione della domanda pubblica regionale e alla dematerializzazione e semplificazione delle procedure di acquisto, si pone l’obiettivo di riqualificare la spesa pubblica regionale, liberando risorse da destinare al miglioramento dei servizi a cittadini ed imprese, oltre che agli investimenti per la crescita economica dell’Isola”. (CHARTABIANCA) red