This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Lunedì 20 maggio 2019 - 16:27

LAVORO, CENTRI IMPIEGO: RAGGIUNTA INTESA TRA REGIONI, ASSUNZIONE PER 4MILA OPERATORI

(CHB) - Roma, 18 apr 2019 - “Con l’Intesa in Conferenza Stato-Regioni sull’attuazione del reddito di cittadinanza si è concluso positivamente un percorso che ha visto la ricerca di una stretta e leale collaborazione tra le Regioni e il Governo”, afferma la Commissione Istruzione, Lavoro, Innovazione e ricerca della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.
“Abbiamo varato il piano straordinario di rafforzamento dei Cpi e delle politiche attive che darà alle Regioni – spiega la Commissione - la possibilità di assumere 4.000 operatori a tempo indeterminato e di avvalersi dell’assistenza tecnica di 3.000 navigator contrattualizzati da Anpal servizi.
“Abbiamo chiarito tutti gli aspetti tecnici ancora aperti e in particolare la centralità dei Centri per l’impiego e il ruolo di assistenza tecnica che dovranno svolgere i navigator. In tal senso è previsto un accordo con la singola Regione che intende avvalersene in sede di convenzione bilaterale con la definizione delle azioni che si intendono realizzare e degli specifici standard di servizio per l'attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni. Il piano inoltre contiene i criteri di riparto delle risorse per l’ammodernamento delle strutture ed infrastrutture per il 2019 e 2020. Esprimiamo soddisfazione – conclude la Commissione Istruzione, Lavoro, Innovazione e ricerca della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome - perché il potenziamento dei centri permetterà di elevare il livello dei servizi verso standard di altri paesi europei, e di fronteggiare con più tranquillità la richiesta delle politiche collegate al Reddito di cittadinanza. Il tutto, però, avverrà nel rispetto delle prerogative e delle responsabilità di ogni soggetto istituzionale coinvolto”. (CHARTABIANCA) red © Riproduzione riservata regione lavoro