This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Giovedì 23 maggio 2024 - 15:04

SANITÀ PRIVATA: VARIAZIONE TETTI SPESA, NIEDDU: INCREMENTO DI 4,5 MLN PER PRESTAZIONI IN CONVENZIONE

(CHB) - Cagliari, 25 ott 2022 - Aumentano le risorse per le prestazioni in regime convenzionato. In via straordinaria, la Giunta Solinas, su proposta dell’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu ha approvato la variazione dei tetti di spesa per le prestazioni ospedaliere e ambulatoriali erogate dalle strutture private accreditate per gli anni 2022 e 2023, che passano da circa 162,6 milioni di euro a poco più di 167 milioni di euro per entrambe le annualità, con un incremento di circa 4,5 milioni, come consentito dalla normativa nazionale in materia. “Siamo intervenuti per garantire il diritto dei cittadini a ricevere visite ed esami nelle strutture convenzionate alle stesse condizioni del pubblico. In questi ultimi anni l’impegno del nostro sistema sanitario sul fronte del Covid ha determinato un inevitabile aumento della domanda di prestazioni nelle strutture private. Per far fronte a questa situazione, anche a seguito di un confronto con il mondo della sanità convenzionata in Sardegna, ci siamo attivati per trovare una soluzione che consentisse di aumentare le risorse là dove gli spazi di manovra sono comunque limitati dai vincoli di spesa nazionali".
“È necessario tener presente – precisa l’assessore – che la spesa delle Regioni per l’acquisto di prestazioni dalla sanità privata è limitata dai vincoli imposti a livello nazionale dalla spending review. L’incremento approvato con questo provvedimento si muove all’interno di questo perimetro. Già in passato abbiamo espresso perplessità sui tetti di spesa imposti da Roma, in virtù del fatto che la Sardegna dal 2007 provvede con risorse proprie alla spesa sanitaria. In una fase in cui le strutture pubbliche si stanno riorganizzando in seguito a una pandemia che non è ancora alle spalle, il privato può dare un contributo importante nel recupero delle prestazioni rimaste indietro a causa del virus”, conclude l’esponente della Giunta Solinas. (CHARTABIANCA) red © Riproduzione riservata sanita regione