This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Giovedì 13 giugno 2024 - 10:38

SANITA': TAVOLO MOBILITÀ COMPARTO, NIEDDU: BENE RIORDINO PER LAVORATORI E INTERO SISTEMA

(CHB) - Cagliari, 25 nov 2022 - Proseguono i lavori per la mobilità regionale degli operatori sanitari del comparto. A una settimana dal primo incontro, si è riunito nuovamente ieri il tavolo istituzionale convocato dall’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, e a cui hanno preso parte le sigle sindacali firmatarie del nuovo contratto collettivo nazionale della categoria e le aziende sanitarie e ospedaliere della Sardegna.
“Come avevamo programmato abbiamo avviato il confronto sulle modalità attuative. Entro una settimana Ares ci fornirà un report completo relativo al personale del comparto delle Asl e chiederemo all’Areus e alle aziende ospedaliere analoghi resoconti con la stessa tempistica. Anche se la mobilità riguarderà solo i lavoratori a tempo indeterminato questo ci consentirà di avere un quadro di insieme esaustivo per avviare una procedure che tenga conto degli equilibri delle piante organiche”, dichiara l’assessore Nieddu. “Ai sindacati – prosegue l’assessore – abbiamo invece chiesto di fornirci una bozza in cui siano presenti i criteri da indicare nel bando. L’obiettivo è quello di avviare il prima possibile la mobilità per il personale del comparto, infermieri, tecnici, operatori socio sanitari e altre figure che, nel rispetto degli equilibri, avrebbero la possibilità di spostarsi nella sede di lavoro più vicina alla propria residenza. Oggi abbiamo operatori di Nuoro che lavorano a Cagliari e viceversa . Aprire alla mobilità significa non solo dare una risposta ai lavoratori e alle loro necessità, ma anche attuare un riordino razionale delle forze in campo a beneficio di tutti”. (CHARTABIANCA) red © Riproduzione riservata sanita regione