This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Domenica 21 luglio 2024 - 06:11

SANITÀ ANIMALE, WEST NILE: CONTAGIATO CAVALLO PAULILATINO; ASL: È MONITORATO, ORA STA MEGLIO

(CHB) - Cagliari, 05 set 2023 - “Il cavallo ha sviluppato una sintomatologia neurologica, ma ora è in fase di ripresa e guarigione. La situazione è sotto controllo”. Lo ha dichiarato stamani Enrico Vacca, responsabile del settore della Sanità Animale della Asl 5 di Oristano dopo il caso di un contagio di un equino a Paulilatino, in località Pabarille.
Vacca ha aggiunto: “Ricordiamo ai proprietari di cavalli che esiste un vaccino per evitare che gli animali vengano contagiati dal virus della West Nile e che lo stesso virus non può essere trasmesso dal cavallo all’uomo, ma il contagio avviene solo attraverso il vettore delle zanzare”.

IL CONTAGIO Un cavallo è risultato positivo alla West Nile nei giorni scorsi nel territorio di Paulilatino. L’Istituto Zooprofilattico della Sardegna ha comunicato alla Asl 5 di Oristano l’avvenuto contagio. Il Dipartimento di Prevenzione dell’azienda sanitaria oristanese ha poi inviato al Comune di Paulilatino una proposta di ordinanza sindacale al fine di mettere subito in campo tutte le misure di prevenzione e controllo ed evitare così un’ulteriore diffusione del virus ed eventuali contagi all’uomo. Ordinanza già firmata dal primo cittadino e pubblicata nel sito internet del Comune.

I PRECEDENTI Ad agosto un uomo di Siamanna di 72 anni è risultato positivo al virus della Febbre del Nilo e si trova ancora ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Sassari. Le sue condizioni sono invariate. Nel mese di luglio erano risultati positivi alla Febbre del Nilo un gruppo di zanzare catturate da una trappola a Torregrande e due cornacchie, abbattute da un cacciatore nello stesso punto nel territorio di Solarussa. Lo scorso anno otto casi di contagio umano di West Nile nell’oristanese, quattro dei quali sono persone poi decedute.

IL VIRUS Il virus West Nile, trasmissibile dagli uccelli infetti all’uomo o ad altri animali attraverso la puntura di zanzara, nell’80 per cento dei casi da luogo a forme asintomatiche, nel 20 per cento causa sintomi simili a quelli influenzali (febbre, mal di testa, nausea e vomito) e in una percentuale inferiore all’1 per cento provoca encefaliti o meningoencefaliti.      (CHARTABIANCA) red © Riproduzione riservata sanità agricoltura