This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Domenica 21 luglio 2024 - 06:58

SPOPOLAMENTO, ANALISI COLDIRETTI: PICCOLI COMUNI ADDIO (-35 MILA RESIDENTI); SOS PER 5.530 BORGHI

(CHB) - Roma, 18 dic 2023 - La popolazione italiana cala solo nei piccoli Comuni con meno di 5 mila abitanti dove si registra l’addio di oltre 35mila residenti in un solo anno. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sui dati Istat relativi alla popolazione residente dalla quale si evidenzia il rischio abbandono per i 5030 comuni con meno di cinquemila abitanti presenti sul territorio nazionale. Il calo generale della popolazione italiana rilevato dall’Istat – sottolinea la Coldiretti – colpisce dunque praticamente solo queste realtà che ospitano appena il 16% della popolazione nazionale ma rappresentano il 70% del numero totale dei comuni italiani e il 54% dell’intera superficie italiana. Non a caso il 92% delle produzioni tipiche nazionali – continua Coldiretti – nasce proprio nei piccoli borghi italiani con meno di cinquemila abitanti, un patrimonio conservato nel tempo dalle imprese agricole con un impegno quotidiano per assicurare la salvaguardia delle colture agricole storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari. I piccoli borghi hanno un valore storico, culturale ed ambientale in un paesaggio fortemente segnato – spiega la Coldiretti – dalle produzioni agricole, dalle dolci colline pettinate dai vigneti agli ulivi secolari, dai casali in pianura alle malghe di montagna, dai verdi pascoli ai terrazzamenti fioriti. Un patrimonio conservato nel tempo dalle imprese agricole e dagli allevamenti con un impegno quotidiano per assicurare la salvaguardia delle colture agricole storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari. Va dunque contrastato lo spopolamento che acuisce anche – conclude Coldiretti – la situazione di solitudine delle aziende agricole, aumentando la tendenza allo smantellamento non solo dei servizi ma anche dei presidi e delle forze di sicurezza presenti sul territorio. (CHARTABIANCA) red © Riproduzione riservata regione agricoltura